Baldessari
e Baldessari
Alberto Ghirardello
Angeletti Ruzza
Bartoli Design
Bellavista Piccini
Architetti
Castiglia Associati
Ce Studio
Debonademeo
Emilio Nanni
Fabio Meliota
Lo Studio
Lorenzo Damiani
Luca Casini
Marc
Sadler
Marta Laudani e
Marco Romanelli
Saverio Incombenti
Studio Klass
Complements
Cabinets and sideboards
Sofa and daybed
Lamps
Bookshelves
Benches
Chairs and armchairs
Lounge chairs
Stools and poufs
Mirrors
Carpets
Tables
Coffee tables

La panca Benna Limited Edition

TENDENZE GREEN

Da a presenta una limited edition della panca Benna, per rendere omaggio alla XXI Esposizione Internazionale della Triennale

E’ la sintesi perfetta della produttività made in Italy. E’ la seduta Benna disegnata da Lorenzo Damiani per Da a, il brand di design che ha saputo recuperare l’eccellenza industriale del territorio italiano cercando valore nella manifattura artigianale, creando in team con i designers coinvolti nei progetti nuove soluzioni per abitare e stare.

“Prodotti sinceri” di alta qualità tecnica ed estetica, in materiali puri, senza tempo e naturalmente ecosostenibili. In occasione dell’apertura della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, in scena fino al 12 settembre, Da a presenta una limited edition del progetto Benna per rendere omaggio al ritorno di questo importante evento che dal 1933 definisce la storia dell’architettura e del design.

Così la panca Benna, ottenuta piegando una lastra di metallo grazie agli stampi per la realizzazione di benne agricole, si tinge di rosso e ripropone, come se fosse un tatuaggio, il logo della manifestazione. Un prodotti duraturo dove si esprime l’artigianalità e la sensibilità del Designer.

Daa è l’incontro tra un processo dedicato alla produzione di meccanica pesante e il design del mobile. Una via alternativa alla produzione seriale che pone quindici designer e l’eccellenza industriale Made in Italy di fronte a una sfida inedita: realizzare complementi d’arredo attraverso gli strumenti e le abilità con cui si creano benne, bracci e telai per macchine movimento terra.

“Da a” significa dunque compiere un passaggio di stato”

Una sfida di frontiera che non fa riferimanto al passato ma si esprime attraverso un’accurata ricerca cercato attraverso ciò che può esser tramandato, diventando una cosa unica.

Daa include nell’oggetto una pluralità di voci per crearne una nuova, più forte e netta, fatta del rapporto plastico che si crea tra designer e materie, il metallo e non solo, processo industriale e abilità artigiana nel saldare, piegare, rifinire.

Daa dà il via ad un nuovo processo di “ibridazione” delle competenze per introdurre nuove metodologie per creare ed abitare.

Fonte:  www.syncronia.com